Cultura

Liquore Hierbas: alla scoperta del vero “spirito” di Formentera

Una delle tradizioni delle isole Pitiuse (Ibiza e Formentera) è di terminare il pasto con un bicchierino, o meglio un chupito di “Hierbas”, un delizioso e delicato liquore prodotto dall’elaborazione di svariati tipi di erbe locali.

Sicuramente chi è già stato in vacanza a Formentera o Ibiza avrà avuto modo di provare questo “ammazza caffè”, dato che in molti ristoranti, quando si porta il conto al tavolo, viene offerto uno shot, che in spagnolo si chiama appunto chupito. Altrimenti la miglior cosa da fare è chiedere una copa de hierbas con hielo (bicchiere di hierbas con ghiaccio) per accompagnare il dolce.

Hierbas: storia e curiosità

Dice la leggenda che questo liquore locale debba la sua origine all’uso medicinale delle erbe che si faceva centinaia di anni fa. Dato che molte delle specie con maggiori proprietà curative hanno un gusto amaro, qualcuno pensò di farle macerare in acqua e aggiungerci un po’ di zucchero, dando vita a sciroppi che con il passare degli anni si sono evoluti in bevande di erbe sotto spirito.

Anche se attualmente sono conosciute ufficialmente come hierbas Ibicencas, cioè di Ibiza, la produzione originale ebbe inizio nel 1880 proprio a Formentera, da parte di Juan Marí Mayans, uno studioso delle proprietà della erbe locali. Dopo aver imparato l’arte della distillazione a Barcellona, Juan si trasferì in pianta stabile ad Ibiza per dare inizio a quello che si rivelò da subito un incredibile business.

La ricetta segreta della famiglia Marí Mayans

La ricetta originale, che la famiglia Marí Mayans conserva ancora gelosamente, prevede l’utilizzo di 30 diverse qualità di piante autoctone, tra cui anice, camomilla, alloro, ginepro, finocchio, menta, rosmarino, salvia, frigola, foglie d’arancio e limone, salvia ed eucalipto.

Queste erbe vanno inserite in una bottiglia (preferibilmente a collo largo) ed affogate con liquore d’anice dolce, mischiato con una punta di liquore d’anice secco. Si lasciano macerare al buio per almeno 3 mesi, in modo che gli aromi si mescolino e la bevanda prenda il suo tipico colore dorato.

Il risultato finale è un liquore con un sapore predominante di anice, contrastato ed equilibrato dal perfetto mix di tutte le altre erbe, con una dolcezza che varia a seconda della ricetta e delle dosi.

Il liquore made in Baleari

Nel 1997 la hierbas ha ricevuto il certificato d’origine, diventando ufficialmente un prodotto tipico di queste isole. La marca più comune e consumata è proprio la Marí Mayans; questo speciale liquore viene ancora prodotto in maniera tradizionale dagli abitanti e da alcuni ristoranti, come il “Sa Platgeta” di Formentera e il “Bar Anita” di Ibiza, due posti in cui varrebbe la pena mangiare anche solo per poter poi assaporare una tradizionale hierbas con hielo.

Se state per prenotare un alloggio a Formentera per la prossima vacanza, mettete in agenda anche un assaggio della mitica hierbas, uno dei simboli dell’isola. Sarà divertente “giocare” con i vostri compagni di avventura a riconoscere i sapori delle erbe utilizzate. E se avrete bisogno di un secondo bicchierino per studiarne meglio i sapori… beh, non tiratevi indietro, perché noi faremmo lo stesso!